fUnder35 premia chi crea occupazione e sa avvicinare i giovani all’arte

1 gennaio 2014

arte e cultura

Con la regia della Commissione per i Beni e le Attività Culturali dell’Acri, l’ospitalità della Fondazione Cariplo presso il Centro Congressi di Via Romagnosi, la collaborazione della rivista Economia della Cultura (EdC) e dell’Associazione per l’Economia della Cultura (AEC), il 6 febbraio si incontrano a Milano alcuni fra i maggiori esperti di strumenti e strategie per il sostegno e l’innovazione dell’impresa culturale in Italia (programma su www.acri.it). Il convegno intende approfondire il ruolo dell’imprenditoria giovanile, le criticità e le problematiche che caratterizzano l’esistenza e l’evoluzione delle imprese, le politiche di accompagnamento a esse dedicate. In particolare verranno approfonditi i temi del credito, gli aspetti giuridici dell’impresa culturale, il ruolo dell’Europa e le partnership. L’occasione è data dalla presentazione dei vincitori della seconda edizione del bando fUnder35, sostenuto, con 1 milione di euro all’anno, da dieci Fondazioni di origine bancaria (F. Cariplo capofila del progetto, F. Banco di Sardegna, F. Cariparma, F. Cassa di Risparmio della Spezia, F. Cassa di Risparmio di Lucca, F. Cassa di Risparmio di Modena, F. Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, F. Cassa di Risparmio di Torino, F. Livorno, F. Monte di Bologna e Ravenna) per la crescita di imprese non profit operanti da almeno due anni nell’ambito della produzione artistica e creativa e dei servizi di supporto alla valorizzazione, tutela, protezione e circolazione dei beni culturali, il cui organo di amministrazione sia costituito in maggioranza da membri di età inferiore ai 35 anni. I vincitori dell’edizione 2013 di fUnder35 sono complessivamente 18, di cui 9 operanti in ambito teatrale, 4 in campo musicale e ciascuno degli altri 5 in altrettanti settori: l’arte contemporanea, la danza, l’editoria, gli eventi culturali e il turismo. Queste le principali tematiche presenti nei progetti proposti: avviamento professionale di artisti neo-diplomati e di nuovi talenti, avvicinamento del pubblico giovane alla cultura e promozione di eventi teatrali dedicati ai giovanissimi, miglioramento organizzativo finalizzato a una gestione sostenibile nel tempo, consolidamento di posizioni lavorative strutturalmente precarie ma temporalmente stabili e assunzione di figure professionali under35, svolgimento di un percorso formativo in campo manageriale destinato al personale interno e ampliamento/potenziamento dell’offerta culturale. I soggetti beneficiari, come già i vincitori del bando 2012, con il coordinamento del Comitato fUnder35, collaboreranno tra loro per lo sviluppo di una Comunità di pratica efficace, che favorisca la condivisione sia delle competenze proprie delle singole organizzazioni sia delle numerose esperienze acquisite durante lo svolgimento dei progetti, nonché permetta di affrontare e approfondire temi di comune interesse, quali, ad esempio, gli aspetti finanziari dell’impresa non profit e le strategie di fundraising e di accountability per i soggetti senza scopo di lucro.

da "Fondazioni" gennaio-febbraio 2014

tag: funder35 imprenditoria giovanile giovani