Bando distruzione: riqualificazione partecipata

30 maggio 2019

territori

La Fondazione CRC ha selezionato 12 progetti per realizzare interventi di riqualificazione artistica e ambientale attraverso la demolizione di strutture deturpanti o la mitigazione dell’impatto ambientale, presentati da altrettanti Comuni della provincia. Attraverso il Bando Distruzione si assegneranno complessivamente 400mila euro.

In questa seconda edizione, il bando ha previsto un innovativo iter di selezione per i progetti: dal territorio sono pervenute 57 idee progettuali, 20 delle quali sono state ammesse alla seconda fase, queste si sono tradotte in 17 progetti dettagliati, che sono stati valutati da una commissione tecnica e sottoposti a una “votazione popolare”, con l’obiettivo di coinvolgere direttamente le comunità attraverso un’apposita piattaforma web (www.bandodistruzione.it), che ne ha individuate 12. Complessivamente sono state espresse più di 11mila preferenze, con una partecipazione significativa di under 34 (60% dei votanti). Ora i 12 progetti selezionati inizieranno un percorso di co-progettazione, finalizzato a definire nel dettaglio le modalità d’intervento sul bene interessato, per poi avviare i lavori nei prossimi mesi.

«Con questa nuova edizione del Bando Distruzione, la Fondazione ha rafforzato il proprio impegno per eliminare le brutture che deturpano la nostra provincia: la valorizzazione della bellezza dei nostri paesaggi diventa una leva per attivare le nostre comunità e promuoverne lo sviluppo e la crescita - commenta il presidente Giandomenico Genta -. Una conferma in questo senso ci è arrivata dagli esiti della votazione popolare, sperimentata per la prima volta in assoluto, che ha visto una partecipazione inaspettata e un’attivazione davvero significativa dei Comuni coinvolti e dei loro cittadini».

tag: distruzioni riqualificazione sostenibilità comunità