Maioliche medievali in mostra a Viterbo

29 maggio 2019

arte e cultura

Fino al 16 giugno 2019, presso il Museo della Ceramica della Tuscia di Viterbo, si può visitare la mostra “Le maioliche medievali dal butto di Celleno Vecchio. Riscoperta di una tradizione antica”, organizzata e sostenuta dalla Fondazione Carivit. La mostra si incentra su una serie di reperti ceramici di età tardomedievale (XIV- prima metà del XV secolo), provenienti da uno scavo effettuato nel 1975 in un “pozzo da butto” di una abitazione signorile nell’abitato abbandonato di Celleno Vecchio. Un intervento archeologico, condotto dalla Soprintendenza nello stesso anno, consentì di recuperare un ingente quantitativo di ceramiche medievali, sebbene la gran parte dei materiali fosse già andata dispersa.

 

Nella foto l'evento di inaugurazione della mostra

Del nucleo, recuperato nella sua interezza e catalogato dall’Università della Tuscia tra il 2016 e il 2018, costituito da circa 7.500 frammenti di “maiolica arcaica“, una ceramica da mensa prodotta in diversi centri dell‘Italia Centrale (tra questi Viterbo) dalla seconda metà del XIII ai primi decenni del XV secolo, sono stati selezionati 40 esemplari per l’esposizione che illustrano la ricchezza del repertorio morfologico e decorativo delle ceramiche da mensa prodotte a Viterbo alla fine del medioevo, costituendo al tempo stesso un’eloquente espressione dello status dei proprietari, probabilmente appartenenti all’aristocrazia legata ai signori di Celleno.

La mostra è aperta dal giovedì alla domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 15,30 alle 18,30.

Per informazioni: 0761346136 - 0761.223674 - www.museodellaceramicadellatuscia.it – mctuscia@gmail.com

tag: esposizione celleno vecchio archeologia