“Gli Amanti in Cimento” di Gaspare Spontini torna a Maiolati

29 marzo 2019

arte e cultura

«La Fondazione Carifac è lieta di aver contribuito a riscoprire un aspetto inedito di un grande artista del nostro territorio attraverso l’acquisizione dell’opera». Lo dichiara Marco Ottaviani, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana, all’indomani dell’acquisizione di un manoscritto ad opera del compositore Gaspare Spontini nato nel 1774 a Maiolati in provincia di Ancona e morto nel paese natio nel 1851. Celebre esponente del classicismo, Spontini fu un innovatore e con la sua opera influenzò il lavoro di celebri autori successivi, come Rossini, Weber e Wagner.

Il manoscritto “Gli amanti in cimento” è una partitura originale autografata che la Fondazione si è aggiudicata dalla Casa d’Aste Ader Sociètè de Ventes Volontaires e che sarà custodita, in comodato gratuito, nel comune di Maiolati Spontini. Si tratta della terza opera di Gaspare Spontini presentata a Roma nel 1797. Un manoscritto inedito di grande valenza storico-musicale che l’artista, nella sua solenne e a volte enfatica maturità, aveva praticamente cancellato. «La Fondazione Carifac è sempre vicina alle esigenze dei propri territori e a quelle delle Istituzioni di appartenenza, dopo aver ricevuto la segnalazione del ritrovamento di uno spartito manoscritto autografo del grandissimo compositore, ci siamo subito attivati per poterlo ricondurre a casa», ha evidenziato la vicepresidente della Fondazione Carifac, Barbara Bartoloni.

Per ulteriori informazioni: www.fondazionecarifac.it

tag: Fondazione Carifac musica Gaspare Spontini