School 4 Job sperimenta la formazione attiva per studenti e migranti

5 dicembre 2018

welfare

School 4 Job è un progetto a cura della Cooperativa Sociale Arca di Noè, realizzato con il sostegno della Fondazione Carisbo, che ha l’obiettivo di favorire lo scambio peer-to-peer di competenze utili alla ricerca attiva del lavoro tra giovani richiedenti asilo e studenti di due scuole secondarie superiori di Bologna.

School 4 Job sperimenta un approccio fortemente innovativo: si rivolge a un doppio target di giovani in procinto di affacciarsi sul mercato del lavoro, favorendone la crescita reciproca e il coinvolgimento in momenti formativi volti allo scambio di competenze per lo più linguistiche e informatiche. Le attività sono volte alla sperimentazione di servizi di inserimento e orientamento lavorativo attraverso sessioni formative, orientamento di gruppo e individuale, nonché l’attivazione di tirocini formativi rivolti a 50 richiedenti asilo e rifugiati utili all’acquisizione di competenze spendibili nel mercato del lavoro locale. Attraverso il coinvolgimento diretto di 50 studenti aderenti alle attività di alternanza scuola-lavoro, i richiedenti asilo e rifugiati saranno dunque aiutati nella redazione dei curricula professionali e nelle attività di ricerca attiva del lavoro, tramite web e simulazioni di colloqui.

Leit-motiv del progetto è il dialogo interculturale tra giovani coetanei, ma con storie e background diversi, il cui incontro sarà favorito e facilitato dalla consulenza psicologica fornita da Aicis. Sarà il Dipartimento di Scienze dell’Educazione “Giovanni Maria Bertin” dell’Università di Bologna a occuparsi del monitoraggio e della valutazione di impatto del progetto, mentre il sostegno ai percorsi di inserimento lavorativo per richiedenti e titolari di protezione internazionale sarà a cura del Servizio Protezioni Internazionali di Asp Città di Bologna.

All’interno del partenariato, la qualità dei servizi sarà garantita da un’équipe integrata di figure professionali altamente qualificate: operatori dell’accoglienza, operatori area orientamento e job placement, pedagogisti, counselors, insegnanti di italiano, studenti universitari, comitato scientifico di monitoraggio e valutazione.

Insieme all’Università di Bologna e alla collaborazione degli altri partner di progetto (grazie ad Asp verranno attivati circa 25 tirocini) sarà in definitiva possibile progettare un sistema/modello di buone prassi da replicare, divulgare e rendere continuativo nel medio-lungo periodo.

 

Link: www.fondazionecarisbo.it

tag: Fondazione Cr Bologna ricerca lavoro giovani studenti rifugiati