Alberghi storici dell’Alto Adige

1 novembre 2014

territori

Dal 2007 la Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, in collaborazione con la Soprintendenza ai Beni Culturali e l’Unione albergatori e pubblici esercenti, conferisce il premio “L’albergo storico dell’anno in Alto Adige”. Il riconoscimento va a quelle strutture ricettive che meglio hanno saputo coniugare la conservazione della storicità dell’edifico e degli arredi con l’alta qualità dell’accoglienza e del confort offerto agli ospiti, ovvero a quegli alberghi che hanno saputo rinnovarsi senza tradire la loro “anima” originale. L’Alto Adige è un territorio che ha sempre rappresentato un importante crocevia nell’ambito delle comunicazioni europee e perciò sin dal Medioevo ha visto sorgere decine di esercizi ricettivi lungo le sue strade maestre. Con l’avvento dell’era turistica moderna quest’antica tradizione di ospitalità conobbe un grande sviluppo: moltissimi alberghi e pensioni aprirono nei centri più dinamici dal punto di vista economico e continuarono ad aumentare per tutta la seconda metà del XIX secolo, fino allo scoppio della Prima guerra mondiale. Il riconoscimento di “Albergo storico” è andato quest’anno al Ristorante Camere Sigmund di Merano (in foto), recentemente interessato da un importante intervento di restauro, che ne ha riportato alla luce la struttura, le superfici e gli allestimenti storici. Nella sua laudatio in occasione della premiazione, la soprintendente Waltraud Kofler Engl ha affermato: «La conservazione dei suoi preziosi reperti, testimoni di svariate epoche, trasforma ogni visita dell’edificio in una passeggiata attraverso la sua lunga storia». 


da “Fondazioni” novembre-dicembre 2014

tag: Fondazione Cr Bolzano alberghi storici valorizzazione