La famiglia, risorsa del welfare

18 gennaio 2017

welfare

È la famiglia una delle principali risorse per migliorare la qualità della vita della comunità e affrontare le nuove sfide del welfare. Questo è quanto emerso all’interno del percorso di lavoro del Tavolo Sociale, strumento di consultazione permanente promosso dalla Fondazione Carispezia a cui partecipano i Distretti Socio-Sanitari provinciali, la Società della Salute della Lunigiana, il Forum del Terzo Settore, il Centro Servizi per il Volontariato Vivere Insieme. Il ruolo centrale della famiglia è stato evidenziato anche dagli esiti del sondaggio rivolto agli esponenti del terzo settore e dei servizi pubblici condotto a fine 2015 e dall’indagine “Analisi dei bisogni del territorio” condotta dall’Irs - Istituto per la Ricerca Sociale. Per questo nel 2016 la Fondazione Carispezia ha lanciato il bando “Verso un welfare di comunità: la famiglia come risorsa”, con il quale sono stati selezionati 7 progetti presentati da 30 organismi del terzo settore riuniti in rete con partner pubblici e privati. Con circa 500mila euro complessivi la Fondazione sosterrà gli interventi necessari. Verrà attivata una casa famiglia in un immobile con terreno confiscati alla mafia e destinati all’accoglienza residenziale e diurna di persone in difficoltà. Sarà riqualificato un parco comunale, gestito in maniera partecipata da persone disabili. Le famiglie che si prendono cura di soggetti fragili saranno messe in rete per condividere esperienze, competenze e forme di micro-welfare. Saranno sostenute esperienze di autonomia abitativa delle persone con disabilità e potenziate attività di supporto alle famiglie di persone con patologie neurodegenerative. Una novità importante è la creazione per ciascun progetto di una “cabina di regia”, di cui faranno parte i partner del progetto stesso e un rappresentante della Fondazione, che si occuperà del monitoraggio delle attività previste dalle iniziative. I progetti dureranno due anni e per essi è previsto un cofinanziamento da parte degli altri partner pari a circa 130mila euro complessivi. Le iniziative coinvolgeranno circa 800 beneficiari e saranno oltre 60 gli operatori che lavoreranno alle attività previste. Alla loro formazione e remunerazione sono destinati più di 250mila euro, a testimonianza della capacità del bando di mobilitare risorse a favore dello sviluppo e crescita del terzo settore. Sono circa 5mila le ore di impegno volontario previste. Nell’ottica di proseguire e potenziare il percorso di sostegno del terzo settore, le risorse messe a disposizione dalla Fondazione Carispezia per questo bando saranno, infatti, rivolte anche a realizzare attività di supporto per le organizzazioni selezionate, attraverso corsi sulle più recenti metodologie utili a promuovere il coinvolgimento attivo delle famiglie e sul processo di rendicontazione contabile. 

 



"Fondazioni" gennaio-febbraio 2017 

 

tag: Fondazione Carispezia welfare famiglie