Una ricetta per migliorare la didattica? Hi-tech, inglese e latino

1 settembre 2011

istruzione

Sono quattro i fronti principali in cui si articola l’impegno della Fondazione Varrone in favore degli studenti: la fornitura di attrezzature per laboratori informatici e linguistici, il sostegno economico ai ragazzi che intendono svolgere periodi di studio all’estero, il contributo allo sviluppo del locale polo universitario, un concorso internazionale per riscoprire la “modernità” del latino. È dal 2009 che l’ente reatino sta portando avanti un significativo progetto per potenziare le attrezzature delle scuole del suo territorio. I circa 90mila euro erogati in questa direzione hanno fatto sì che oggi siano già molte le aule delle scuole medie e superiori dotate di attrezzature all’avanguardia. E questo ha molteplici ricadute positive sulla didattica. È stato infatti dimostrato che le aule-laboratorio stimolano un maggiore apprendimento linguistico rispetto ai percorsi formativi tradizionali, potenziano le competenze trasversali di tipo tecnologico e informatico, spronano lo studente al confronto e al dialogo, nonché alla consapevolezza di una dimensione europea anche nella formazione. Proprio per favorire lo sviluppo di una cittadinanza cosmopolita, la Fondazione Varrone da molti anni ormai eroga borse di studio destinate agli studenti reatini per consentire loro di vivere e studiare un anno all’estero, abitando presso una famiglia del posto. L’iniziativa, realizzata in partnership con l’associazione Intercultura, ha coinvolto finora un centinaio di ragazzi. Inoltre, sul fronte della formazione postdiploma, la Fondazione è stata l’ente propulsivo per la creazione della Sabina Universitas - Polo Universitario di Rieti, presso cui sono attive le facoltà di medicina, ingegneria e agraria. Dal 2009, sempre grazie al sostegno della Fondazione reatina, è stato attivato uno sportello per studenti stranieri. C’è infine un’ultima iniziativa dedicata agli studenti, con cui la Fondazione intende rendere omaggio al suo più illustre concittadino: Marco Terenzio Varrone, filosofo del II secolo a.C. In suo onore dal 2002 la Fondazione organizza il “Certamen Varronianum”, un concorso di traduzioni dal latino aperto a tutti gli studenti europei. L’iniziativa riscuote sempre un grande successo e richiama a Rieti centinaia di studenti dall’Italia e dall’estero.

da “Fondazioni” settembre-ottobre 2011

tag: Fondazione Cr Rieti laboratori scuola informatica lingue straniere