Imparare a essere autonomi

5 ottobre 2016

welfare

Nel 2006 l’Onu ha approvato la Convenzione per i diritti delle persone con disabilità; il Parlamento italiano l’ha recepita nel 2009. All’articolo 19 la Convenzione Onu riconosce “il diritto di tutte le persone con disabilità a vivere nella società, con la stessa libertà di scelta delle altre persone” e promuove l’adozione di “misure efficaci e adeguate al fine di facilitare il pieno godimento da parte delle persone con disabilità di tale diritto e la loro piena integrazione e partecipazione nella società”. Con il progetto “VelA -Verso l’Autonomia” la Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo intende dare attuazione a questo principio. Nata nel 2014 da un percorso di progettazione partecipata che ha coinvolto numerosi soggetti pubblici e del privato sociale della provincia di Cuneo (tra i quali gli enti gestori dei Servizi socio assistenziali) con il coordinamento scientifico dell’Università degli Studi di Torino, l’iniziativa della Fondazione CrC si propone di ripensare il tema del “dopo di noi” delle persone con disabilità intellettiva, in un’ottica di inclusione e autonomia nella comunità. Per fare ciò sta sperimentando soluzioni innovative in grado di offrire le condizioni necessarie per esercitare il diritto di vivere nella società con la stessa libertà di scelta e di autonomia propria di tutte le persone. Sono tre gli attori protagonisti di questo progetto: le famiglie di persone con disabilità, i ragazzi disabili, le imprese del territorio interessate a offrire un’opportunità di inserimento lavorativo. Per ognuno di questi soggetti è stata messa in campo un’azione mirata. Per le famiglie sono previste attività di formazione per favorire percorsi di autonomia e di vita indipendente dei loro figli, sin dalla più tenera età (cucinare, rassettare, fare la spesa). Per i giovani con disabilità intellettiva sono stati attivati periodi di accompagnamento personalizzato all’abitare indipendente, al fine di aiutarli ad affrontare con successo il passaggio dal contesto protetto della famiglia all’autonomia. Per le aziende sono stati pensati strumenti finalizzati a rendere efficace e duraturo l’inserimento lavorativo.



A tutto questo si affianca un’intensa attività di promozione culturale rivolta a tutta la cittadinanza, per favorire il diffondersi di una corretta conoscenza del tema della disabilità e della vita quotidiana delle persone con disabilità. Oltre a cartoline e manifesti è stato realizzato un vero e proprio documentario a puntate sulla vita di due ragazzi – Fabio e Matteo – che sperimentano i primi semplici gesti di autonomia: andare a lavoro o a fare la spesa, prendere il treno da soli, uscire con gli amici per bere una birra (nelle foto in alto ci sono alcuni fotogrammi della loro esperienza). Si tratta di una web serie diffusa su Youtube e su Facebook – visibile all’indirizzo http://bit.ly/vela_cuneo – che ha riscontrato molto successo tra gli utenti della rete. A corollario di questa campagna è stata realizzata una raccolta fondi per sostenere le attività di formazione degli insegnanti della provincia di Cuneo che intendano aggiornarsi su come favorire, anche a scuola, l’attivazione di percorsi di vita indipendente delle persone con disabilità. Grazie alle risorse raccolte e all’intervento della Fondazione CrC, che si è impegnata a raddoppiarle, sarà possibile attivare circa 100 ore di formazione per i docenti.





"Fondazioni" settembre-ottobre 2016

tag: Fondazione Crc welfare disabili dopo di noi