L’Irst di Meldola avrà la sua foresteria

1 marzo 2014

sanità

Ogni anno sono più di 3mila le persone che da fuori regione vengono a curarsi presso l’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori di Meldola (Fc) (circa il 20% del totale degli assistiti). Si tratta prevalentemente di pazienti che devono sottoporsi a terapie che, pur non prevedendo il ricovero, richiedono spesso una serie di applicazioni da ripetersi una volta al mese. Per loro diventa necessaria una sistemazione abbordabile in termini di costi e di funzionalità. Per rispondere a questa esigenza l’Irst, il Comune e la Fondazione Cariforlì hanno deciso di avviare un progetto di housing sociale che prevede la rifunzionalizzazione dell’Istituto San Giuseppe, complesso contiguo all’ospedale e ora abbandonato, che verrà trasformato in una foresteria per i pazienti in day hospital e per i loro famigliari. Per realizzare l’iniziativa è stato messo a punto un cronoprogramma in base al quale l’immobile è già stato acquistato da Polaris Sgr, società che gestisce il Fondo di Housing Sociale per l’Emilia Romagna, a cui aderisce anche la Fondazione Cariforlì. Polaris procederà quindi alla rifunzionalizzazione del complesso, per poi cederlo in affitto all’Irst per un periodo di dieci anni, al termine del quale l’Istituto procederà al suo riscatto, divenendone definitivamente proprietario, grazie a un contributo che verrà appositamente messo a disposizione dalla Fondazione forlivese attraverso accantonamenti annuali. Il progetto interessa una superficie di 1.800 mq e prevede la realizzazione di 30 alloggi e 8 ambulatori per l’attività intramoenia. La particolare vicinanza tra le due strutture consentirà, infatti, anche la prestazione di forme di assistenza “domiciliare”, alleviando ulteriormente le condizioni di stress e fatica a cui sono sottoposti i pazienti. La foresteria sarà operativa alla fine del 2015.

da "Fondazioni" marzo-aprile 2014

 

tag: Fondazione Cariforlì Irst tumore housing sociale