Meridonare, il crowdfunding a Napoli

9 dicembre 2015

welfare

Portare il crowdfunding nel Mezzogiorno, sostenere le idee sociali più meritevoli e innovative in campo sociale, favorire il radicamento del senso di comunità, costruire un tessuto sociale forte e coeso. Sono questi gli obiettivi di Meridonare, una recente iniziativa nata grazie all’intuizione dell’Istituto Banco di Napoli Fondazione, in collaborazione con la Fondazione di Comunità del Centro Storico di Napoli e l’associazione Lives. Si tratta di una piattaforma web (http://meridonare.it/) dove le organizzazioni meridionali del terzo settore presentano i loro progetti per i quali hanno bisogno di raccogliere fondi. Il punto di forza di Meridonare è l’interattività e la sua dimensione “social”: ovvero i progetti da finanziare vengono presentati tramite brevi video – realizzati con il supporto dello staff del sito – che possono essere condivisi sui social network, così da diventare virali e attirare donatori.

Nella scheda di ciascun progetto ci sono: il video di presentazione, un testo descrittivo, i contatti dell’organizzazione proponente, lo stato di avanzamento della raccolta e i giorni rimanenti, l’elenco dei donatori. I visitatori del sito sfogliano le proposte ed effettuano le donazioni direttamente online con carta di credito, quindi possono scegliere se comparire tra i sostenitori del progetto o rimanere anonimi. Non ci sono limiti di importo alle donazioni, si parte da un euro. Lanciato a fine settembre, Meridonare raccoglie fino a oggi 25 progetti, 2 dei quali hanno già raggiunto il budget di raccolta che si erano prefissati. Non si contribuisce solo con il denaro, ma anche con il tempo.

Chi ha a disposizione alcune ore libere nella propria settimana o professionalità da mettere a disposizione può offrirle tramite il sito. Lo staff di Meridonare lo mette in contatto con le organizzazioni della città che hanno bisogno di risorse umane.

 

da "Fondazioni" novembre-dicembre 2015

tag: Istituto Banco di Napoli Fondazione Napoli crowdfunding