L’artigianato artistico italiano è on line

20 ottobre 2015

territori

In un mercato dove tutto è accessibile e fruibile ormai istantaneamente, parole come “personalizzazione”, “autenticità” e “unicità” stanno acquistando un posto di rilievo nel vocabolario di mondi quali la moda, la gioielleria, l’arredamento e il décor. I mestieri d’arte, vero patrimonio economico e culturale dell’Italia, diventano un elemento di attrazione turistica grazie al desiderio, sempre più evidente, di riscoprire tutto ciò che si cela dietro un oggetto, un abito o un gioiello. Ed è nelle botteghe che emerge la passione per la ricerca del tessuto o del materiale, la sua lavorazione, il gusto del fatto a mano e della sua prerogativa di unicità. Cioè l’amore per il Made in Italy. L’arte del saper fare italiano è una delle eccellenze che contraddistingue il nostro Paese nel mondo, e che – al pari del patrimonio culturale e artistico – contribuisce “all’ornamento per lo Stato, all’utilità del pubblico e ad attirare la curiosità dei forestieri”, come scriveva nel suo “Patto di famiglia” l’ultima granduchessa de’ Medici, Anna Maria Luisa. L’Italia non è ricca solo di monumenti e di paesaggi fiabeschi: le nostre città permettono infatti ai visitatori più attenti e curiosi di scoprire numerose botteghe storiche, dove la tradizione artigiana del fatto a mano viene tramandata con passione, e negli atelier di nuova generazione, il futuro ha il sapore ineguagliabile del fatto a mano. Per dare una nuova luce ai mestieri d’arte della nostra tradizione, per sottolinearne non solo la vitalità ma anche l’importanza strategica da un punto di vista turistico ed economico, e per valorizzare l’eccellenza artigiana che sta alla base del miglior Made in Italy, Associazione OmA - Osservatorio dei Mestieri d’Arte, a cui aderiscono 17 Fondazioni di origine bancaria, insieme a Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte e al Gruppo Editoriale, ha elaborato un progetto digitale di promozione e diffusione dell’artigianato artistico italiano: www.italia-sumisura.it è l’indirizzo, accessibile anche da smartphone e tablet, a cui rivolgersi. Vi si troverà una prima selezione di 300 indirizzi su tutto il territorio italiano: botteghe e atelier che portano avanti la grande eredità e il patrimonio dei mestieri d’arte di assoluta eccellenza. Sono previsti ampliamenti e aggiornamenti continui dei contenuti. I laboratori/atelier scelti per essere inseriti nel portale appartengono al settore dell’artigianato artistico (rif. Legge nazionale 8 agosto 1985 n. 443, modificata e integrata con legge 20 maggio 1997 n. 133). Il progetto ha esclusivamente fini culturali e non commerciali; non diffonde quindi informazioni di tipo commerciale, né è possibile la vendita dei prodotti tramite e-commerce. La scheda di ogni singola azienda citata è tuttavia corredata di un’anagrafica completa, ivi compreso un rimando diretto ai siti internet di riferimento. Per rientrare nella selezione è indispensabile che ogni fase della lavorazione sia svolta in sede. Ogni artigiano selezionato è presente sul sito tramite una scheda di sintesi, che ne descrive l’attività e la storia; tutti sono contestualizzati all’interno di specifiche sezioni tematiche. Una ulteriore modalità di ricerca prevede l’accesso per area geografica e per materia prima, in questo modo il sito può funzionare facilmente come uno strumento di orientamento, di informazione e di pianificazione di itinerari, nonché come mezzo di promozione delle migliori botteghe. Queste sono suddivise in diverse sottocategorie, dal tailoring alla gioielleria, dall’arredamento al décor, dalla pelle alla profumeria; le schede individuali sono in doppia lingua (italiano e inglese) e raccontano sinteticamente la storia e le specificità, insieme ai dettagli e alle informazioni pratiche per poter raggiungere ogni atelier.

 

 

da "Fondazioni" novembre-dicembre 2015

tag: Acri artigianato mestieri di arte botteghe Oma